Per ottimizzare la tua esperienza di navigazione questo sito utilizza cookies. Cliccando accetta si autorizza l'uso dei cookies. Maggiori informazioni
Accetto
Menu
My area Contatti Cerca

Agsm, sfiduciato il presidente Croce. Salta il matrimonio con Aim Vicenza?

La decisione nasce dai dissidi provenienti dal comune scaligero. Ora c’è chi chiede alla giunta di abbandonare la fusion...

La decisione nasce dai dissidi provenienti dal comune scaligero. Ora c’è chi chiede alla giunta di abbandonare la fusione e chi propone di volgere lo sguardo alla trevigiana Ascopiave 

Il presidente di Agsm Verona Michele Crocesboarina-croci.jpg (a destra nella foto) è stato sfiduciato dal cda, aprendo così la via a una serie di eventi che potrebbero minare la tanto auspicata aggregazione delle utility venete. La decisione riflette gli ultimi dissidi interni al consiglio, proprio alla vigilia del processo di aggregazione con Aim Vicenza.
 
Un'azione che rappresenta “un fatto senza precedenti, gravissimo, che va contro gli interessi strategici della città e che, soprattutto, contraddice quanto fatto da questo stesso cda per rendere Agsm più snella, efficiente, in grado di crescere e di generare reddito. Si stanno cercando motivi pretestuosi per minare la governance della multiutility di Verona”, hanno detto da Agsm. Con la fusione in standby tra Verona e Vicenza, verrà meno quell'idea di maxi aggregazione a tre, facendo così dirigere la trattativa sempre più verso un'agguerrita Edison e verso il tandem Vivigas-Bluenergy.
 
Dalla sponda vicentina crescono i timori, nonostante le rassicurazioni che arrivano al Comune da parte dell'amministrazione veronese, e con l'opposizione cittadina che si divide tra chi prende la palla al balzo e chiede alla giunta di abbandonare la fusione con Agsm, chi propone di volgere lo sguardo alla trevigiana Ascopiave e chi, invece, vorrebbe mantenere in piedi il progetto di aggregazione.
 
“Ho sentito il sindaco di Verona Federico Sboarina, (nella foto a sinistra) - dichiara il sindaco di Vicenza Francesco Rucco - e mi ha assicurato che è nell'interesse di tutti proseguire con l'iter della fusione. Per quello che mi ha riferito, quanto accaduto in Agsm rientra in un cambio di governance, dunque sotto questo punto di vista mi ha rassicurato che non ci saranno ripercussioni sulla fusione”.

Powered by Sesamo 2019 - privacy policy